Luca Boschi

I primi sei volumi del ‘capolavoro dei capolavori’ Disney!

In esclusiva i contenuti del primo mese e mezzo dell’integrale RCS Quotidiani su Romano Scarpa

15/01/2014
I primi sei volumi del ‘capolavoro dei capolavori’ Disney!

In attesa di poter rivelare qualche dettaglio in più sulla collana dedicata a Romano Scarpa in uscita dal prossimo lunedì 20 gennaio, mette conto ricordare quanto negli ultimi anni Scarpa sia stato considerato (e in un certo senso anche “tardivamente rivalutato”) a livello planetario in tutto il mondo.

Antologie delle sue storie sono apparse negli ultimi due anni rispettivamente in Scandinavia e in Germania, grazie alle case editrici Egmont ed Ehapa. In questi primi tre giorni della settimana i siti specializzati e i forum si sono scatenati nell’ipotizzare l’andamento e i contenuti della nuova, attesissima collana, alla quale anche PostCardCult ha riservato un post domenica scorsa.

Nei prossimi giorni andremo avanti con i dettagli. Per il momento, il sito di RCS Quotidiani ha presentato l’opera come segue, proponendone i primi volumi nello Store del Corriere a questo link.

Alcune delle pagine più belle, emozionanti e divertenti del fumetto Disney sono per la prima volta raccolte in volumi da 360 pagine con protagonisti Paperino, Topolino, Zio Paperone e tanti altri eroi Disney. Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport presentano l'opera integrale di Romano Scarpa, un Maestro riconosciuto a livello mondiale e un simbolo del magico spirito della Disney, con storie restaurate per l'occasione e alcuni inediti assoluti. In ogni uscita un ricco approfondimento redazionale, con storyboard, schizzi e tanto altro.

Ecco i titoli dei primi volumi:
1. Paperino e i gamberi in salmì e altre storie
2. Topolino e il mistero di Tapioco Sesto e altre storie
3. Paperino e la “Fondazione De Paperoni” e altre storie
4. Topolino e Bip Bip alle sorgenti mongole e altre storie
5. Paperino e le lenticchie di Babilonia e altre storie
6. Topolino e la fiamma eterna di Kalhoa e altre storie

Per chi, piovuto da Plutone in un blog sui fumetti, non conoscesse Scarpa, ecco qualche nota biografica.

Romano nasce a Venezia il 27 settembre 1927. Frequenta il Liceo Artistico, l’Accademia di Belle Arti e la Facoltà di Architettura.

Tra il 1941 e il 1944, in un piccolo studio vicino al Ponte di Rialto, realizza pellicole pubblicitarie sperimentando la tecnica del disegno animato, e nel 1945-46 produce il suo primo cortometraggio, dal titolo …E poi venne il diluvio. Nel 1953 esce sul grande schermo il suo cortometraggio La piccola fiammiferaia e, in quello stesso anno, Scarpa inizia la sua attività fumettistica con i personaggi Disney sul periodico italiano Topolino, con i disegni della storia il tre parti Biancaneve e Verde Fiamma, su testi di Guido Martina.

Sempre su soggetto di Martina, con il quale Scarpa realizzerà una cinquantina di storie, segue la storia Paperino "3D", con la quale debutta realizzando i personaggi standard. Si tratta della prima storia disegnata da Scarpa con Paperino, Paperone e i Nipotini come interpreti. Per la collana in uscita lunedì 20 la storia è stata ampiamente restaurata (al pari di svariate altre, non più disponibili) ed è leggibile e guardabile nella sua versione migliore, poiché sin dalla sua prima uscita sul tascabile il tratto di alcune sue pagine era quasi completamente “bruciato” durante il procedimento di fotolito. I colori originali sono stati ripresi anche nelle ampie parti uscite su Topolino in bianco e nero.

Con Paperino e i gamberi in salmì (che fornisce il titolo al primo volume della collana RCS di oggi), nel 1956 iniziano le storie scritte e disegnate "in proprio" dal Maestro veneziano, fra le quali spiccheranno capolavori indimenticabili come Topolino e l’unghia di Kalì (1958), Paperino e l’uomo di Ula-Ula (1959), Paperino e le lenticchie di Babilonia (1960), Topolino e l’uomo di Altacraz (1963) e tante altre avventure, per un totale di oltre 450 (alcune delle quali molto lunghe), considerando anche quelle scritte da altri autori.

Come è noto, alcune di queste storie verranno più tardi pubblicate anche negli Stati Uniti. Scarpa è anche il creatore di una eccezionale galleria di personaggi, dall’atomo antropomorfo Atomino Bip Bip (1959) alla fidanzata di Pietro Gambadilegno, Trudy (1960), dalla pretendente di Paperone, Brigitta McBridge (1960) all’arrampicatore sociale Filo Sganga (1961), dalla teen-ager Paperetta Yè Yè al figlio adottivo di Gancio, Bruto (1975).

Nel 1986, Scarpa realizza un disegno animato di prova per il serial televisivo DuckTales, mentre nel 1990, con Topolino e l’enigma di Brigaboom, si inaugurano le sue quattro lunghe strip-stories a fumetti.

Ma stavamo parlando di presenze di Scarpa in volumi esteri.

Il suo terzo ed ultimo volume della collana Hall of Fame, confezionato ad Oslo a cura di Solveig Thime, prosegue in senso cronologico la rassegna di storie scritte e disegnate dal grande fumettista veneziano, giungendo a quelle realizzate nell’ultimo arco della sua vita.

Sono due decenni frenetici anche per le vicende personali dell’autore, che tra le altre cose decide di lasciare la sua residenza nella città lagunare per la prima volta, per trasferirsi con la famiglia nella Spagna assolata. Ne accenniamo nel prossimo post.

© Disney per tutte le immagini