Giocattoli

Scarabeo, da 50 anni sempre sulla breccia

Il marchio Editrice Giochi dopo mezzo secolo è ancora uno dei titoli più amati

13/11/2013
Scarabeo, da 50 anni sempre sulla breccia

Al pari di Risiko, è stato uno dei titoli che più hanno divertito i ragazzi italiani dal dopoguerra ad oggi. Come la Televisione, è stato uno degli strumenti che più hanno contribuito ad alfabetizzare i nostri connazionali dalla fine degli anni '50. Sicuramente è un marchio dell'intrattenimento che ha fatto la Storia in Italia e ancora oggi è uno dei titoli più amati e più regalati quando si vuole fare un dono 'intelligente', oltre che divertente.

Stiamo parlando di Scarabeo, che Editrice Giochi ottenne da Aldo Pasetti dopo che costui il 17 marzo 1961 davanti alla Corte di Appello di Milano era stato prosciolto dall'accusa di violazione del diritto d'autore, rispetto all'originale Scrabble.

Le foto della prima edizione.

 

Da allora è stato distribuito da Editrice Giochi divenendo uno dei titoli più famosi in assoluto. A seguire le foto di una confezione EG d'epoca:

 

Oggi più di ieri Scarabeo è sinonimo di sfida, competizione, divertimento e allegria. Scopo del gioco è quello di comporre – sulla tradizionale e storica plancia a scacchiera - parole di senso compiuto, con tutta una serie di accorgimenti, come gli incroci di parole in orizzontale e verticale o l’utilizzo delle caselle speciali, per ottenere punteggi più alti e vincere la partita. Dalla mitica clessidra alle 130 lettere in legno, dal blocchetto segna punti ai leggii, Scarabeo è la memoria storica dei giochi da tavola, ma anche il presente e il futuro della “categoria”, dove tutti possono cimentarsi in partite interminabili, non tutti diventano dei campioni, e la parola noia è bandita.

All'alba dei suoi primi cinquant'anni, è ora disponibile nelle tre versioni che trovate sotto. Auguri, mitico Scarabeo, per questo tuo mezzo secolo di gloria: continueremo a sfidarti alla ricerca delle parole più difficili e dei punteggi migliori.